Come sono stati scelti i candidati per gli AnimeAwards?

Uno sguardo su come i giudici abbiano scelto le nomine e a come le categorie siano nate

 

Tempo addietro abbiamo annunciato le nomine per gli Anime Awards, una celebrazione dell'animazione a tutto tondo dell'anno 2018! È stato un anno incredibile per l'industria, con decine di titoli che sarebbero stati meritevoli di essere pescati per il premio "Anime dell'anno".  Comunque, non ogni titolo è potuto rientrare nella lista perché solo sei posti erano disponibili in ogni categoria. Vogliamo dare alla gente il modo di comprendere il processo decisionale dietro una semplice FAQ, dato che c'è parecchia scelta quest'anno!


Prima di tutto, le categorie. Non possono esserci vincitori senza candidati che non possono esistere senza delle categorie in cui figurare. Mentre alcune categorie giungono dalle edizioni precedenti, ci sono stati alcuni cambiamenti.



Le richieste più frequenti riguardanti le categorie dell'anno scorso sono state relative alle categorie tecniche, sull'arte che si trova dietro l'anime. Mentre è sempre esistita la categoria "Miglior Animazione" ed esiste "Meglior CGI" da due anni, per vincoli di spazio, alcune categorie non sono riuscite a emergere tra i nostri favoriti come "Miglior Regista" e "Miglior Character Design" che siamo stati invece lieti di aggiungere quest'anno. Altrettanto nuove sono le categorie per i doppiatori, altra richiesta molto frequente da parte dei fan.


Le categorie che non tornano dallo scorso anno hanno sofferto una combinazione di minor interesse o di un minor numero di qualificazioni serie. Per esempio molte serie cadono sotto varie categorie di genere ed è difficoltoso per giudici e votanti capire quale sia il più adatto. Le opinioni discordanti sono una cosa buona e che ci si aspetta per una premiazione, ma queste categorie non hanno catturato ciò che auspicavamo, continuano comunque a essere importanti!

 



Quest'anno abbiamo anche introdotto due categorie sponsorizzate: Migliore scena di combattimento (che ha fatto il suo ritorno dall'edizione 2016) presentata dalla Capcom e la Miglior serie in prosecuzione presentata dalla VRV. Siamo emozionati dall'opportunità di ospitare queste categorie per conto di questi grandi collaboratori.


Così, ora che abbiamo le nostre categorie, come siamo giunti ai candidati? Ci siamo rivolti a più di venti persone fantastiche nella comunità degli anime in punti chiave per coprire un area più ampia possibile. Giungono da ambienti diversi e hanno vari punti di vista e hanno tutti delle qualifiche nel mondo degli anime (è davvero incredibile che le qualifiche negli anime esistano). È stato richiesto a questi giudici di essere indipendenti e personali nel loro giudizio su quale anime fosse il più meritevole e, dopo che sono stati fissati i parametri di ogni categoria, di passare per due giri di giudizi.



Nel primo round di giudizio, sono stati assegnati dei punti a tutte le serie appartenenti a una categoria e i migliori 12 candidati sono stati elevati al secondo round. Nella seconda fase, i giudici hanno presentato i 12 candidati in un ordine dettato dai punti accumulati nel primo round per poi ricevere una seconda ondata di voti. Alcuni giudici sono stati molto strategici e hanno tenuto da parte tutti i loro voti per la categoria dei loro favoriti, mentre altri hanno distribuito più equamente i punti tra i candidati meritevoli.


Il risultato di questo sistema è che uno show poco conosciuto potesse farcela almeno al secondo turno dando agli altri giudici modo di vederlo o di conoscerlo, creando una parvenza di unanimità sui nomi dei sei vincitori. Sono molto felice di come questo procedimento ha funzionato e ha generato delle nomine più varie rispetto a quelle precedenti dando più lustro a un maggior numero di serie. Qualche sfavorito delle prime fasi è poi riuscito a farcela tra i sei finalisti, dopo una seconda possibilità. Nelle edizioni passate i giudici non hanno avuto modo di capire cosa gli altri giudici stessero facendo. Malgrado fosse impossibile mettere più di venti persone di tutto il mondo fisicamente in una stanza si è cercato un modo, seppur mono direzionale,  di farle lavorare assieme creando comunicazione.



Un altro cambio dagli anni passati è dovuto alla richiesta di non avere candidati multipli dalla stessa serie. Lo scorso anno sia Todoroki che Deku di My Hero Academia sono stati candidati al premio "Miglior personaggio maschile", insieme ad altri doppioni, e i fan si sono lamentati a ragione dicendo di voler vedere rappresentate più serie. Come risultato abbiamo piazzato il più papabile dei personaggi di ogni serie in  ogni categoria evitando che una sola serie saturasse una singola categoria.

Ti starai chiedendo tra quali anime la giuria potesse scegliere. A parte la categoria "Miglior Film" ogni nomina ha dovuto incontrare i seguenti requisiti o essere tratto da un anime che li raggiunga.


1. Deve essere una serie animata

2. Il grosso della produzione deve essere avvenuto in Giappone

3. Deve essere stato trasmesso, in televisione o in rete, in Giappone

4. Almeno un episodio deve essere stato trasmesso legalmente in America nel 2018


Molto può essere considerato un anime, anche se non esistono parametri perfetti, è stata così tirata una linea. Definire cosa sia un anime per un profano piuttosto che per la sua vera definizione è stata una decisione difficile, ma in fin dei conti la più sensata. La distribuzione americana è uno specchio della distribuzione di anime fuori dal Giappone, questo perché poche serie giungono in occidente senza farlo negli Stati Uniti. Per Kakegurui è strano perché è uscito in Giappone nel 2017, ma nel resto del mondo nel 2018, ma di nuovo alcuni paramentri devono ancora essere fissati , quelli legati a un pubblico più ampio sono più rappresentativi di cosa la comunità mondiale pensi.

 

Anche se non è possibile la lista perfetta di candidati, la nostra squadra di giudici ha fatto un lavoro eccelso nel creare la lista più varia possibile! Il 2018 è stato un anno fantastico per l'animazione, parecchie serie memorabili a cui penseremo per anni. Celebriamo questo mondo fantastico di anime parlando dei nostri show preferiti con gli altri fan e, naturalmente, votandoli per gli Anime Awards! Questo è tutto gente!

 
 
Articolo originale di Miles Thomas
Otras noticias principales

0 comentarios
¡Sé el primero en comentar!
Ordenar por: