INTERVISTA: lo staff che ha curato le musiche di JUJUTSU KAISEN parla di cosa abbia influenzato il suo lavoro

Cosa ha dato vita alle eclettiche note che caratterizzano le musiche di JUJUTSU KAISEN? Scoprilo qui!

Jujutsu Kaisen

 

Il finale di JUJUTSU KAISEN è stato un'esperienza viscerale per te? C'è qualcosa che è impossibile togliersi dalla testa, dopo la fine della serie: la colonna sonora. Lo scorso mese Crunchyroll ha intervistato i quattro artisti che compongono lo staff che ha scritto le musiche della serie per saperne di più sull'esperienza. Troverete informazioni sul processo creativo, le influenze musicali, scene preferite e molto altro del produttore Yoshiki Kobayashi e dei compositori Hiroaki Tsutsumi, Yoshimasa Terui e Alisa Okehazama.Se sei un fan di JUJUTSU KAISEN non dovresti davvero perderti questa intervista.

 

Jujutsu Kaisen
 

 

È uno dei rari casi in cui  tre diversi compositori hanno lavorato alla colonna sonora, ci potete raccontare come sia successo? Come siete finiti voi tre a produrre la colonna sonora?

 

Kobayashi: quando ci siamo incontrati col maestro Gege Akutami ci saremmo dovuti orientare verso uno stile simile a quello di Billie Eilish. Poi il regista Sung Hoo Park ha aggiunto che avrebbe voluto la presenza anche di rock e hip hop, dunque ho affidato il lavoro a Tsutsumi, Terui e Okehazama che sapevo in grado di creare canzoni uniche che ben si sarebbero adattate all'anime.

 

Tsutsumi è grandioso col rock. Ha molta esperienza con le colonne sonore, dunque ho pensato che sarebbe stato il nucleo della squadra, questa volta. Ho sempre pensato che i ritmi distintivi di Terui, le sue melodie e i suoi riff siano unici così come la maniera in cui li crea. È grandioso per le canzoni piene di stile. Poi Okehazama sa bene come lavorare col sintetizzatore e le sue melodie sono estremamente carine, le ho dunque chiesto di prendere parte pensando che fosse perfetta per le tracce più emotive.

 

Ci sono dei brani scritti a più mani, ma la maggioranza sono composti separatamente da uno dei tre. Mi sono sempre assicurato che chiunque sentisse le demo degli altri, per mantenere tutti una stessa direzione per la musica della serie per essere certo di non uscire dai binari.

 

Jujutsu Kaisen

 

Tsutsumi: le canzoni sono state divise tra noi tre a seconda del personaggio, stile e musica richiesta.

 

Alcune canzoni sono state assegnate per alzata di mano, ma Kobayashi, il produttore musicale, ha avuto l'ultima parola sulla suddivisione e abbiamo tutti allargato la nostra fantasia durante la creazione delle demo.

 

Ci siamo ispirati a vicenda mentre abbiamo lavorato alla composizione.

 

Terui: ho saputo che sia l'autore Akutami che il regista Park tenevano molto alla musica e che volevano utilizzare un'ampia varietà di generi per la colonna sonora, dunque il produttore Kobayashi  ci ha chiamati tutti e tre per realizzare queste richieste.

 

Abbiamo deciso chi avrebbe prodotto ogni canzone durante le nostre riunioni col signor Kobayashi e poi ognuno ha lavorato da solo.

 

Non ero incaricato allora di scrivere il tema musicale al momento, ma ho potuto scrivere alcuni brani insieme a Tsutsumi e Okehazama.

 

Jujutsu Kaisen

 

JUJUTSU KAISEN è un titolo unico con spiriti maledetti e stregoni jujutsu. Come vi siete sentiti a lavorare per uno show che potrebbe essere definito "dark fantasy", per la colonna sonora?

 

Kobayashi: è ambientato a Tokyo e l'aggiunta delle maledizioni lo fa sembrare più giapponese, ma avendo già lavorato con Park in passato su The God of High School ho sentito la necessità di uno stile più occidentale, piuttosto che qualcosa di tipicamente dark fantasy giapponese. Ho voluto rispondere al tipo di stile che il regista aveva in testa, senza trascinarlo verso un tono più giapponese.

 

Tsutsumi: le canzoni rock sono le mie radici e ho percepito che l'ambientazione si sarebbe incastrata perfettamente con questo stile musicale duro, infatti è stato appagante.

 

Terui: molti dei progetti a cui ho lavorato fino a ora si basavano più sul guardare nel lato tenebroso delle cose, piuttosto che prendere una direzione solare e positiva, ero dunque molto curioso di vedere quale nuova piega avrebbe preso la mia esperienza grazie a questa colonna sonora.

 

Okehazama: è stata la prima volta in cui ho composto musiche per un dark fantasy, dunque ero un po' ansiosa ed emozionata per questo.

 

Jujutsu Kaisen

 

Che tipo di ricerche avete effettuato dopo che vi è stata assegnata questa colonna sonora? Se avete ricercato qualcosa per approfondire la vostra conoscenza di questo titolo ci piacerebbe saperne di più. Se avete letto il manga originale prima di lavorare alla colonna sonora, ci piacerebbe sapere in che modo ne siate stati ispirati durante la composizione.

 

Kobayashi: ho letto ogni capitolo su Shonen Jump quando sono stati pubblicati. Era il mio lavoro approfondire la mia comprensione del titolo e trasmetterla ai compositori, dunque ho partecipato alle riunioni sulle varie scene per immergermi in ciò che il regista aveva in mente, sui temi dei vari episodi e su quali punti si sarebbero incentrati. Grazie a ciò, sono stato in grado di cogliere anche i più piccoli dettagli per poi proporre l'aggiunta di una canzone al regista all'ultimo momento.

 

Tsutsumi: non conoscevo nulla di questo titolo, ma la prima volta che l'ho letto è stato dopo che mi è stata affidata la musica. Ho organizzato i contenuti relativi a questo titolo a modo mio e ho lasciato i miei appunti su come trasportare quel che leggevo nella forma dell'espressione musicale, prima del nostro incontro iniziale.

 

Jujutsu Kaisen

 

Terui: neanche a dirlo ho letto l'originale, ma ho anche fatto delle ricerche sui gusti musicali di Akutami e ho guardato i lavori passati diretti da Park.

 

"Questo è il fulcro dei manga shonen attuali" è stata l'impressione che ho carpito dal lavoro originale, Io amo i manga e trovo ispirazione nei vari omaggi ai più disparati manga sparsi in ogni dove.

 

Okehazama: ho iniziato la lettura del titolo originale dopo essere stato selezionato per lavorare alla musica. Ho preso ispirazione dalla storia e dai personaggi, ovviamente, ma ho anche imposto un tono alla musica basandomi su alcuni tratti delle illustrazioni del manga.

 

Jujutsu Kaisen

 

Itadori guarda molti film per affinare le sue abilità nell'utilizzare l'energia maledetta, ma ci sono dei film, tracce o compositori a cui vi siete ispirati?

 

Kobayashi: solo parzialmente, ma ho immaginato le canzoni uscire spettacolari come quelle di Spawn and Black Panther.

 

Tsutsumi: un produttore della TOHO, il signor Matsutani, mi ha fatto conoscere la colonna sonora di un film del 2019 chiamato Us e mi ha dato molta ispirazione per le sonorità che ho usato.

 

Terui: questa è stata la mia prima esperienza con le colonne sonore, dunque non è stata specificamente la musica di un film a ispirarmi, ma ho ascoltato varie musiche tratte dai film con temi simili proprio per espandere la mia prospettiva. Al di fuori delle colonne sonore, ho sentito una connessione con l'hip hop astratto di shing02 e DJ shadow e che l'attuale stile trap hip hop avrebbe attatto le persone, dunque mi sono basato su questi stili (malgrado poi mi siano state affidate le tracce più rock).

 

Okehazama: non ho un titolo in particolare a cui mi sono ispirata, ma ho ascoltato preventivamente hip hop e la musica EDM per acquisire molte idee.

 

Jujutsu Kaisen

 

Nel secondo episodio, c'è una scena in cui Gojo e Itadori si trovano in un centro di cremazione con il sottofondo di flauti tradizionali e una soffusa chitarra elettrica. Non è una scena che esiste solo nell'anime, ma mostra anche un rituale che non viene spesso mostrato nei media giapponesi. Come avete lavorato con lo staff per creare questa scena e come è stato visto il fatto che avete mostrato il rito del kotsuage (rito giapponese di cremazione)?

 

Tsutsumi: ho suonato una canzone con la armoniche eseguite da un kantele (uno strumento a corde finlandese) come motivo portante, per esprimere lo stato emotivo sentimentale di Itadori. Ho pensato che la limpida, vuota e dignitosa aria di questa melodia avrebbe rafforzato questa scena senza invaderla.

 

Abbiamo davvero usato un leggero fischio per le note di flauto. Mentre producevo le musiche di JUJUTSU KAISEN non abbiamo mai registrato strumenti musicali, dato che l'idea era quella di esprimere lo stile giapponese con strumenti occidentali.

 

Ho sfruttato la chitarra elettrica per esprimere la sua forza interiore e la sua determinazione per il futuro che passa attraverso la sua disperazione (non ho scritto questa canzone espressamente per la scena del kotsuage, ma credo che si adegui bene alla scena ed esprime bene le emozioni di Itadori). 

 

Jujutsu Kaisen

 

L'artista Che Lingo ha cantato il testo del combattimento tra Todo e Fushiguro nell'episodio otto. Potete parlarci di come abbiate ottenuto l'aiuto di Che Lingo per la canzone e di come la scena sia stata scritta?

 

Kobayashi: il regista Park ha richiesto un rap, dunque mi è stato presentato dal signor Youki Yamamoto che aveva già lavorato con lui su Dr. STONE e che al momento si trovava a Londra.

 

Gli ho illustrato in generale l'atmosfera della canzone (e i dettagli della scena) prima, dunque Che aveva già in mente un'idea generale prima di registrare. Non potevamo andare a Londra per registrare, per colpa della pandemia, dunque ho deciso di dirigerlo online.

 

Tsutsumi: ce lo ha presentato un compositore che vive a Londra, il signor Youki Yamamoto. Ci siamo connessi tramite internet tra Giappone e Londra per registrare. Ogni compositore ha detto a Che Lingo dove inserire il rap e che tema il testo avrebbe dovuto avere e lui ha scritto le parole e ha registrato il rap tutto durante il giorno della regiistrazione.

 

Jujutsu Kaisen

 

Quando Gojo combatte Jogo nell'episodio sette, avete usaro una muscia rock pesante. Più avanti nell'episodio, dopo che Gojo entra nell'espansione del dominio di Jogo, si può  ancora ascoltare della musica rock malgrado non ci sia piò in atto un combattimento. Pensate che unificare la musica di un episodio in un solo genere, in questo modo, sia un modo funzionale per trasmettere un messaggio al pubblico?

 

Kobayashi: non ci siamo molto curati dell'omologazione di un genere durante un episodio. La ragione è che ogni episodio ha un suo sviluppo e io penso che usare la musica giusta per ogni fase serva a mantenere bilanciata la puntata nella sua interezza. È stato così nell'episodio sette, per esempio, non penso sarebbe stato strano collegare la canzone Hollow Purple dell'episodio 20 a Gojo. Per questo abbiamo poi cambiato da rock a EDM. In ogni caso ci ha aiutati ad allontanare l'impressione che Gojo sia invincibile, dunque penso che seguire la natura della serie piuttosto che un genere musicale aiuti ad arrivare a una maggiore attinenza stilistica.

 

Tsutsumi: l'episodio sette che ci ha pervasi con la potenza incontrastabile di Gojo. Ho percepito la musica come strumento efficace per sottolineare la sua forza.

 

Jujutsu Kaisen

 

La musica che c'è quando Todo interpella ogni personaggio cambia dall'heavy metal (durante il combattimento tra Fushiguro e Todo), house (quando Itadori incontra Todo) e in fine una gentile chitarra acustica (durante la nostalgica scena del liceo di Todo). Trovo questa narrazione musicale durante le scene di Todo davvero affascinante. A cosa avete prestato più attenzione per comunicare la personalità dei personaggi?

 

Kobayashi: da parte mia mi sono assicurato che ogni personaggio fosse assegnato a uno specifico compositore. Per esempio, Itadori  e Todo sono entrambi stati assegnati a Tsutsumi, Nanami e Fushiiguro sono stati assegnati a Terui e Kugisaki e Gojo a Okehazama e ognuno di loro ha composto per i propri personaggi. Dato ciò, abbiamo prodotto una musica che ha tirato fuori le loro personalità ed è scaturita, ovviamente, in una fusione di generi.

 

Tsutsumi: ho apprezzato davvero l'emozione e il sentimento che ho provato quando per la prima volta ho rappresentato il personaggio, è stato come il ritmo e il suono di uno strumento a me congeniale.

 

Per esempio, la prima volta che ho preso in considerazione Todo ho immaginato un coro simile a un grido di battaglia, un taiko e altre percussioni e un ritmo che sottolineasse la sua natura imperscrutabile, questo è ciò su cui ho lavorato.

 

Terui: è come se avessi molti indizi sulle sonorità, non solo dall'aspetto dei personaggi, ma anche per la loro storia e per le loro idee. Dopo aver ascoltato molte parole che  mi sono venute in mente ho usato la mia creatività per trasformarle in musica.

 

Jujutsu Kaisen

 

Uno degli archi più provocatori è quello in cui Itadori si relaziona con Mahito e Junpei Yoshino. Alla fine dell'episodio tredici, c'è una commovente insert song intitolata “Stand in the Darkness” imperniata sul monologo di Itadori sul "non perdere ancora". C'è qualcosa di questa storia o di JUJUTSU KAISEN in generale che hanno ispirato questa canzone?

 

Kobayashi: il regista ha fatto una richiesta precisa in questo caso. Era anche la fine del primo cour, dunque ha voluto terminarlo dando un senso di compiutezza con un brano cantato da una voce maschile. Ha voluto una ballad, per me è stato doloroso, ma credo che abbiamo prodotto una canzone grandiosa grazie anche alla partecipazione di Steve Memmlo.

 

Nell'anime, la parte vocale c'è solo per trenta secondi. Per la prima metà ci sono solo strumenti musicali senza voce,  ma è stata una scelta mia e di Tsutsumi, ne abbiamo discusso e abbiamo proposto al regista di utilizzare solo strumenti per la prima metà fin quando le emozioni di Itadori non straripano nella seconda parte.

 

Nella colonna sonora puoi sentire la versione registrata con il testo completo che è stato scritto.

 

Jujutsu Kaisen

 

Come hai percepito le reazioni riguardanti JUJUTSU KAISEN, dopo  il suo debutto? Pensi che i fan apprezzino la fusione di tutti i generi rappresentati?

 

Kobayashi: ognuno ha una sua tecnica e  una sua intepretazione unica e penso che sia un lavoro ben eseguito. Il fatto che ognuno possa apprezzare la sua interpretazione significa avere più possibilità che chiunque possa amarlo piuttosto che avere qualcosa di prefissato a cui attenersi. Non è una cosa negativa per gente che è cresciuta in ambienti diversi ascoltando molteplici generi musicali avere diverse intepretazioni. Penso che tale diversità sia grandiosa.

 

Tsutsumi: il fascino dell'originale si sta propagando in cosi tante persone, grazie all'anime, e spero che lo stiano amando nel profondo dei loro cuori. Penso che JUJUTSU KAISEN offra una colonna sonora davvero unica. Pur rimanendo fedeli al principio di trasmettere emozioni, abbiamo lavorato insieme cercando nuove maniere per combinare gli strumenti ed esprimere concetti tramite la musica, spero dunque che la gente possa cogliere questa poderosa forza.

 

Jujutsu Kaisen

 

Terui: penso che sempre più gente stia amando lo show grazie alla sinergia tra l'innegabile fascino del lavoro originale e gli appaganti elementi dell'animazione, come il movimento e le voci.

 

Sarei felice se la musica potesse aggiungersi a ciò.

 

Per la fusione dei generi musicali, onestamente anche se una parte di me reputa che alcune persone possano esitare per questo, credo che questo approccio possa produrre risultati incredibili.

 

Okehazama: Quando ho creato la musica ero davvero preoccupata su quanto la gente avrebbe apprezzato il lavoro. Comunque dopo le reazioni di tante persone sui social dopo la messa in onda, tutte positive, penso che sia stato amato.

 

Sono davvero grata ai fan per tutti i messaggi ricevuti.

 

Jujutsu Kaisen

 

Ci sono scene o episodi su cui avete gradito particolarmente lavorare?

 

Kobayashi: episodio 16, Panda contro Machamaru. Che Lingo ha rappato alla grande e la storia era fortissima, ho amato questa parte anche nel manga.

 

Tsutsumi: Gojo e Jogo nella battaglia dell'episodio 7. Dopo che Gojo ha dimostrato di essere il più forte di JUJUTSU KAISEN è diventato facile per il pubblico comprendere l'ambientazione e il bilanciamento dei poteri tra i personaggi e gli episodi successivi, penso dunque che sia una scena chiave.

 

Jujutsu Kaisen

 

Terui: Amo molte scene, ma mi viene in mente soprattutto quella in cui si sveglia in Hanami la gioia della lotta nell'episodio 19.

 

L'animazione è incredibilmente bella e la musica è perfetta. La performance di MiMi con l'hammered dulcimer (strumento a percussione con corde) è incredibile.

 

Okehazama: Ci sono molte scene che ho amato, ma quella che ho adorato è "Jujutsu Koshien" nell'episodio ventuno. È una delle mie scene preferite in cui i personaggi principali si comportano da liceali, normalmente non avviene durante le missioni.

 

Ci sono anche varie aggiunte originali nell'anime che mi hanno fatto ridere.

 

Jujutsu Kaisen

 

Qualcosa che volete dire ai fan di JUJUTSU KAISEN?

 

Ostento il mio ruolo qui. So che ci sono molti fan di JUJUTSU KAISEN  al mondo, c'è molto che posso fare, ma spero che le mie idee e i miei sforzi abbiano aiutato a migliorare il titolo e a renderlo più appagante.

 

Tsutsumi: sono uno di quelli che  hanno prodotto JUJUTSU KAISEN, ma da fan della serie amo questo titolo e voglio sempre fare qualcosa di bellissimo.

 

Terui: so che è difficile trovare nuove cose, dato che il Giappone è un'isola che non parla inglese, ma è una terra piena di anime, fumetti, musica e scene underground, oltre a serie come JUJUTSU KAISEN, dunque partendo da questo spero conoscerete anche altri lavori incredibili.

 

Okehazama: A chiunque guardi JUJUTSU KAISEN, vi ringrazio infinitamente. Sono davvero felice che tanta gente lo segua nel mondo oltre che in Giappone. In JUJUTSU KAISEN ci sono molte scene serie, ma i personaggi sono affascinanti e l'azione frenetica è fantastica da guardare. Spero che lo amerete fino alla sua fine.

 

Try Crunchyroll Premium Today!

 


Notizia originale di Blake P.

Altre notizie importanti

0 Commenti
Puoi essere il primo a commentare!
Ordina per:
Hime banner

Prova il Nuovo Crunchyroll Beta

Dai un'occhiata