Intervista: il regista di The God of High School ha studiato le arti marziali su YouTube

Sunghoo Park parla con Crunchyroll News di The God of High School

Molti generi di persone sono necessari per dare vita a un anime e siamo qui per puntare i riflettori sui talentuosi autori che si trovano dietro la produzione del nuovo Crunchyroll Original, The God of High School.

 

A capo di ogni produzione c'è un regista, qualcuno che organizza e mette insieme ogni contributo proveniente da ogni membro dello staff per arrivare al prodotto finito. Dopo il suo debutto da regista con GARO -VANISHING LINE-, Sunghoo Park è ora a capo del Crunchyroll Original chiamato The God of High School. Abbiamo potuto parlare con lui riguardo la sua esperienza durante la creazione dell'adattamento della famosa serie WEBTOON di combattimento.

 

The God of High School

 

Come hai iniziato a lavorare nel campo degli anime? Era questa la strada che avevi pensato di seguire?

 

Durante la scuola elementare, ero molto preso da una serie chiamata Macross ed è stato in quel momento che ho deciso che il mio sogno fosse diventare un regista di anime. Per esaudire questo sogno, mi sono concentrato nello studio dell'arte sia alle medie che alle superiori. Ho frequentato un'università in Corea che aveva una sezione relativa all'animazione, ma ho deciso di studiare all'estero per poter espandere il più possibile i miei orizzonti. Ho avuto qualche dubbio su dove andare tra l'America, in cui si trova la Pixar, e il Giappone, in cui è stato creato Macross, ma ho optato per il Giappone per via dell'animazione basata sui disegni a mano.
 

Potresti raccontarci come sei finito a lavorare per l'adattamento di The God of High School?


[Manabu] Il signor Otsuka, presidente dello studio MAPPA, mi ha fatto questa proposta. Io già conoscevo la serie The God of High School, ma non l'avevo letta e dunque ho dovuto farlo immediatamente. L'azione era incredibile e ho capito di volerla animare con le mie mani. In più, da bravo coreano, ero davvero interessato al fatto di animare una serie WEBTOON, dunque l'ho considerata una grande opportunità.


Le scene di combattimento di The God of High School sono dinamiche e ti tengono incollato allo schermo! Ci puoi parlare di come il team  abbia usato le vere arti marziali e delle specifiche tecniche d'animazione per questa serie?


Nel torneo di The God of High School si trovano vari stili di arti marziali che si incontrano in un solo posto. Ho voluto per questa ragione provare in prima persona ognuno di questi stili, ma non avendo né il budget che il tempo ho dovuto cercarli tutti su YouTube (lol). Per esempio, ho studiato le tecniche di taekwondo su YouTube e ne ho riprodotto le movenze in fotogrammi disegnati a mano. Ho incluso il mio stile di ripresa per creare immagini intense che potessero dare il senso della enorme velocità.

 

 

Quanto a strettamente hai collaborato con l'autore della serie originale Yongje Park durante l'adattamento della serie?


Tutte le sceneggiature, gli storyboard e i design, per lo più, sono stati mandati a lui in modo che potesse visionarli. Gli ho spiegato nel dettaglio quanto stessimo usando il lavoro originale come base e quanto i cambiamenti di design e sceneggiatura fossero dovuti alle unicità del formato degli anime, lui è stato molto contento di ciò. Ha nutrito un gran rispetto per il modo in cui l'anime è stato prodotto, il che ha reso più facile lavorare al progetto.
 

Hai diretto anche Garo the Vanishing Line, altro titolo MAPPA con molta azione. Hai incorporato qualcosa che hai appreso da quella serie in The God of High School?

Ho appreso che tutta l'animazione dipende dal gioco di squadra. GARO è stato per me il primo titolo da regista, dunque ci ho messo tutto me stesso, ma per la stessa ragione non prestavo molta attenzione al mondo circostante. Questa volta ho voluto credere di più in ogni membro dello staff durante tutta la produzione.
 

The God of High School

 

Cosa pensi che faccia risaltare The God of High School rispetto ad altri anime sulle arti marziali?


Ho percepito un maggiore senso di velocità in The God of High School di quanto non ne abbia avvertito in altri titoli basati sulle arti marziali. Ho dunque deciso che il punto più importante fosse la velocità e ho fatto in modo che la musica coincidesse con l'azione per dare vita a ritmi perfetti durante le scene.

 

Com'è la giornata di un regista di anime? Come passi il tempo mentre lavori a The God of High School?


Bene, inizio con la parte più importante per un regista, analizzo gli storyboard e lavoro coi responsabili degli episodi. Cose come riunioni  e design check vengono subito dopo e successivamente disegno i fotogrammi chiave degli episodi curati direttamente da me, per poi vagliare e tagliare gli altri. E dopo il lavoro, è il momento di una birra!

Cosa trovi speciale o unico delle serie  WEBTOON?


Penso che la cosa più unica è che il pubblico possa vedere delle serie totalmente a colori dai cellulari e dagli altri dispositivi digitali. Le serie sono inoltre di grande qualità, spesso adattate in film o telefilm per tutto il mondo. Questo media ha molto potenziale inesplorato.
 


Cosa ti è più piaciuto adattare di The God of High School? Qual'è stata la parte più difficile?


La mia parte preferita è stata l'amicizia tra i tre personaggi principali. È il tema principale della serie. Mori, Daewi e Mira partecipano al torneo per le loro ragioni personali, ma crescono insieme come amici e facendo parte di una squadra, è la mia parte preferita della serie.

 

La parte più ardua è stata il gran numero di tagli nelle riprese dei combattimenti. GOH ha più tagli durante le scene d'azione della media, il che lo ha reso una sfida. All'inizio ho in realtà pensato di ridurne il numero. Ma l'azione era troppo appagante nella serie dunque sono andato avanti così.

Gli anime ambientati nei luoghi veri fuori dal Giappone non sono comuni. Come ha fatto il tuo staff a  prendere familiarità con il sud della Corea?


Questa parte è stata difficile. Ci siamo sempre basati sulle ricerche tramite internet per creare i setting, ma ero l'unico coreano sia durante la produzione che durante il doppiaggio, dunque chiunque chiedeva a me su come usare l'Hangul (un sistema di scrittura coreano), le targhe delle automobili, usi, nomi dei luoghi e altro. Ma dopo aver lavorato a lungo in Giappone mi sono molto divertito a descrivere  la mia terra natia ai colleghi. Ho sentito molta responsabilità al contempo. Molti dello staff erano fan del K-pop e dei film coreani e alcuni sono andati a Seoul per prendere confidenza.

 

The God of High School

 


 

Guarda tu setsso la serie WEBTOON originale The God of High School !

 


 

Queste soo le altre interviste allo staff:

Altre notizie importanti

0 Commenti
Puoi essere il primo a commentare!
Ordina per: