Nightmare before Halloween (-5): attendendo la notte dei mostri oggi parliamo dei fantasmi

C'è poco da fare gli spiritosi.

 

Abbiamo già parlato di molte creature spirituali, nei vari articoli della serie Nightmare before Halloween, ma questa volta non sono qui per parlare di uno yokai che nasce tale. La creatura sovrannaturale di cui voglio parlare oggi è presente nel folclore di pressoché ogni civiltà e prima di divenirlo era un essere umano come tanti altri. L'uomo è un essere emotivo e per lui gli altri appartenenti alla propria specie, alcuni quantomeno, sono come delle ancore che lo tengono collegato al mondo. Non c'è da stupirsi se già dalla preistoria l'uomo abbia cercato nel misticismo un collegamento coi propri defunti. I cari estinti venivano seppelliti o tumulati, spesso con gli oggetti e i cibi che amavano in vita e queste attenzioni non erano riservate agli altri animali. Questa potrebbe essere una delle ragioni per cui gli uomini hanno sempre e ovunque creduto che alcune anime potessero rimanere intrappolate nel mondo materiale, per ragioni più o meno spaventose, ma sempre molto tristi. Tale è l'intensità del lutto, tanto potente quanto lo è l'amore per chi si è perso.

 


Flying Witch

 

La credenza nei fantasmi è sopravvissuta persino al periodo più egemonico del cristianesimo, da un punto di vista religioso. Secondo il credo cattolico, le anime sono destinate una volta morte a paradiso, inferno o purgatorio, con pochissime eccezioni. Ebbene ciò non è bastato a cancellare questa convinzione, dato che le storie sui fantasmi non hanno mai smesso di essere raccontate e di creare un certo senso di paura e fascino. Persino la letteratura e il teatro sono ricolmi di esimi esempi di storie che vedono i fantasmi, se non come protagonisti, come punti focali degli eventi. Da bambino lessi Il fantasma di Canterville (Oscar Wilde 1887) e ne rimasi davvero colpito, mi emozionò il modo grottesco e comico con cui la storia si dipanava. Oscar Wilde è un'importante figura storica, è vero, ma persino Shakespeare ha utilizzato queste creature sfortunate nelle sue opere come in Riccardo III, Amleto, Giulio Cesare e Macbeth. Nell'ultima opera citata c'è anche un uso peculiare del fantasma di Banquo, perché solo il protagonista della storia poteva vederlo, cosa che coincide con alcune storie sui fantasmi. Dunque pare che non solo la letteratura di genere, come i famigerati Penny Dreadful inglesi, sia ricolma di questi esseri in bilico tra l'abisso e il mondo dei vivi.

 


Mob Psycho 100

 

Ovviamente non basta che una persona muoia per generare un fantasma o uno spettro, serve un'ancora che lo tenga incatenato al mondo materiale, che sia essa emotiva o un oggetto fisico. Potrebbe essere l'attaccamento morboso verso colei che si amava o il tesoro che si è cercato tutta la vita, strappati via dalla morte. Per quanto esistano storie di maledizioni in grado di legare l'anima dei morti a degli oggetti, luoghi o persone, in occidente il fenomeno è visto più come qualcosa che si genera dai desideri e dalle ossessioni della persona morta o morente.

 


 Elegant Yokai Apartment Life

 

Secondo gli antichi romani esistevano molti tipi di fantasma, tra cui rinomati erano i lari. Questi fantasmi un tempo erano persone buone e anche dopo la morte continuavano, secondo loro, a vegliare sui vivi. Un tipo di questo tipo di anima erano i Lares familiares, le anime trapassate dei propri antenati che portavano fortuna alla casa a cui erano legati. C'era un vero culto di lari, al pari o forse superiore di quello dei genius loci. 

I fantasmi giapponesi sono chiamati yurei e hanno la peculiarità di non avere la parte inferiore del corpo, ma di fluttuare in maniera innaturale. Anche loro sono incapaci, come lo sono quelli delle tradizioni occidentali, di abbandonare il mondo materiale per raggiungere la destinazione naturale per la loro anima. Anche gli yurei rimangono bloccati nel mondo da questioni irrisolte, da forti impulsi emotivi o da legami molto forti, ma serve molta energia mentale ed emotiva per dar vita a questo fenomeno. Benché in Giappone esistano riti d'esorcismo, risolvere il nodo che tiene il fantasma bloccato nel mondo, o celebrare i giusti riti funebri nel caso non fossero stati officiati, risultano essere i metodi più rispettosi di liberare queste anime dal loro fardello, permettendo loro di giungere nell'aldilà. Gli yurei sono sovente accompagnati da alcuni fuochi fatui che sono parte integrale della manifestazione dello yokai.

 


PUNCH LINE

 

Talvolta alcuni luoghi sono talmente carichi di disperazione o altre forti emozioni da divenire come dei magneti per i fantasmi. I fantasmi diventano come attori, spesso inconsapevoli, di una messinscena spettrale che potrebbe perpetrarsi per lungo tempo, perfino secoli. Finché la forza del sentimento tiene carico il luogo, esso continuerà imperterrito a mandare avanti il suo lugubre spettacolo.

 


 JoJo's Bizarre Adventure

 

Per affrontare il fantasma è dunque necessario nella maggioranza dei casi capirlo e, soprattutto, far sì che lui capisca e affronti il nodo che lo tiene ancorato al mondo che più non gli compete. Dunque non vi lascerò scritto qualche oggetto o qualche formula, ma solo il consiglio di tentare di capire cosa tenga incatenato il fantasma, se doveste incontrare uno, in modo che sia lui ad accorgersi  che i suoi vincoli sono privi di lucchetto.

 


Spiritpact

 

Film e serie consigliati:

Il mistero della casa sulla collina (William Malone 1999): in questo film ispirato a un classico dell'orrore, un'intera magione è infestata dagli spettri e tutti in essa risentono del loro influsso paranormale.

Storia di fantasmi cinesi (1987 Siu-Tung Ching): una trilogia di film cinesi che mostra tra horror, comicità e romanticismo alcuni fantasmi, i loro obblighi, poteri, punti deboli e, soprattutto la loro società.

Ringu (Hideo Nakata 1998): ispirato alla storia tradizionale di  Banchō Sarayashiki, questo film tratto dal romanzo di Kōji Suzuki parla di un fantasma giapponese che maledice chiunque veda una inquietante videocassetta. Il film spiega molto su quanto la genesi di un fantasma sia anche la chiave per la sua dissoluzione.

The Others (Alejandro Amenábar 2001): Questa pellicola ambientata nel 1945 parla di una famiglia che si trova a vivere, nella propria casa, degli eventi inquietanti. La storia non è tipicamente raccontata esclusivamente tramite gli espedienti tipici del cinema horror e la storia si dipana in maniere inaspettate.

 


 In/Spectre

 

Anime consigliati:

GeGeGe no Kitaro

Mob Psycho 100

Elegant Yokai Apartment life

Hakone-chan

In/Spectre

 

Articoli della serie Nightmare before Halloween:


Halloween
Vampiri
Dullahan
Yuki Onna
Succubi
Lupi mannari
Fate
Kitsune

 


Hakone-chan

 

La notte di Samhain si avvicina e gli articoli di Nightmare before Halloween vi stanno accompagnando verso di essa, immergendovi nelle sue spettrali tinte. Se doveste avere dei brividi e la temperatura si abbassasse all'improvviso, non abbiate paura. Al contrario dialogate con l'invisibile inquilino, magari riuscirà a trovare la strada per l'aldilà.

 

 

Fonti: Wikipedia, conoscenze personali

Altre notizie importanti

0 Commenti
Puoi essere il primo a commentare!
Ordina per: