Nightmare before Halloween (-2): attendendo la notte dei mostri oggi parliamo degli zombi

Dei mostri contrari alla fuga di cervelli.

 

Bentornati, ci stiamo avvicinando alla fine del nostro tenebroso viaggio verso la notte Samhain grazie alla serie Nightmare before Halloween. Abbiamo condiviso i dettagli su vari esserei mitologici e folcloristici di varie parti del mondo e di varie epoche storiche per prepararci alla notte delle streghe. Oggi voglio parlare di un mostro che ha cambiato pelle grazie a Hollywood, ma che nasce da radici ben più antiche e cupe. Come già detto parlando dei fantasmi, gli uomini hanno sempre avuto una combinazione di rispetto e di paura verso la morte e, soprattutto, per cosa avvenga dopo di essa. I non morti di cui parlerò oggi non sono né aristocratici e affascinanti, né tanto meno eterei e intangibili, oggi è la giornata degli zombi.

 


Hitori No Shita - The Outcast

 

Chi non ha mai sentito titoli come L'alba dei morti viventi, Resident Evil o World War Z? Il filone cinematografico su questi striscianti e putrefatti non morti ha infettato ogni media, dal cinema fino ai videogiochi passando per la letteratura e il piccolo schermo. Lo zombi più classico, quello lento che percepisce solo la fame e si trascina senza ragionare verso il suo pasto, è una figura molto moderna in realtà. Il suo morso è infetto e trasforma chi ne venisse ferito in un altro esemplare di questa aberrante specie. È con il film La notte dei morti viventi che gli zombi sono diventati una piaga apocalittica, non più solo un ributtante mostro e, da questa pellicola di George A. Romero del 1968, si sono propagati contagiando l'immaginario della società. Questi esseri un tempo vivi si muovono lentamente, inesorabilmente e il loro unico pensiero è avvicinarsi compulsivamente a ciò che bramano: i vivi. C'è molto di metaforico nello zombi, che sembra quasi solo un'estremizzazione del consumismo e dell'abitudine a inseguire e fagocitare molto più di quanto non si abbia bisogno, perché la foga spesso supera la necessità.

 


SCHOOL-LIVE!

 

Ma dunque, da dove arriva lo zombi se questa loro versione cinematografica, simile a un virus, è una trovata cinematografica? Già nel 1932 uscì un film sugli zombi, L'isola degli zombies, che però non condivideva gli stessi tratti del capolavoro di Romero per ciò che riguarda le abitudini dei non morti di cui parla. In questa pellicola erano frutto della stregoneria, del vudù, per la precisione. Il film è ambientato ad Haiti e le tradizioni legate alla religione vudù sono il nodo centrale della storia. La tradizione vudù e conosciuta al cinema per le sue bambole maledette e per i riti di sangue, ma è in realtà qualcosa di ben più complicato. La parola africana vudù significa spirito e, a dispetto di quanto si ritiene, non è il nome di una religione esclusivamente negativa o malvagia. La sua genesi è molto antica e affonda le sue radici in Africa, ma è stato tramite le deportazioni in America che si è insediata in questo continente. Per gli schiavi africani, il vudù era un collegamento capace di tenere unita la comunità e di dare la speranza a tutti quegli uomini e quelle donne che si trovavano in una situazione ingiustificabile di schiavitù.

 

 

Nel corso del tempo, dopo la fine della schiavitù, il vudù fu molto criticato soprattutto dalla comunità cristiana. Fu qui che avvenne un fenomeno di contaminazione religiosa e il vudù assunse una forte valenza sincretica. Circa sessanta milioni di persone credono nel vudù e lo praticano, soprattutto ad Haiti che ne è la patria spirituale, quantomeno nella sua forma moderna. I loro loa, ovvero degli spiriti che si trovano tra il divino e l'uomo, hanno acquisito nel corso del tempo molti tratti presi dai santi cattolici, la cui molteplicità e i cui patrocini sono quanto di più affine a una simile dottrina. Non è comunque una cosa strana per una religione di quella matrice assimilare da altri credi tratti attinenti, è un prerogativa dello sviluppo del corpus delle credenze di queste dottrine. 

 


The Rising of the Shield Hero

 

Una parte di praticanti però seguono i dettami più oscuri di questa dottrina, questi stregoni sono detti bokor e pare siano in grado di estrapolare l'anima dei vivi per conservarla in una giara. Sono poi in grado di restituirne parte al cadavere, tanto quanto basta per fargli eseguire in maniera spesso riluttante ogni compito affidatogli. Gli zombi del vudù non sono cannibali, sono dei malcapitati resi schiavi da un potenza occulta, in grado di perseguitare persino nei sogni i nemici del loro schiavista. Ma per quanto uno zombi sia resiliente, non dorma, sia molto forte e sia dotato di capacità inumane, i credenti non lo temono per queste capacità. Temono di diventarlo. La possibilità di essere coscienti durante la tumulazione, l'estrazione dell'anima e tutto quanto avviene durante la zombificazione terrorizza le persone molto più di dovere affrontare un esemplare di questi esseri.

 


Hitori No Shita - The Outcast

 

Niente morsi dunque e non c'è nessuna necessità di sparare in testa agli zombi del vudù, non sono una piaga formata da centinaia di esemplari in procinto di propagarsi come una piaga. Questi zombi sono una dimostrazione di potere, un deterrente usato persino in alcuni casi dai politici. Per esempio il dittatore di Haiti François Duvalier governò per quasi una decade sfruttando anche la fede degli haitiani nel vudù, al punto di essere conosciuto col soprannome di Papa Doc.

Di esseri mitologici mangiacarogne ce ne sono molti, dalla ghul araba preislamica fino al wendigo nord americano. Nel primo caso si tratta di un genere di una djin che abita i cimiteri e che terrorizza, uccide e deruba gli umani divorandone le carni. Nel secondo caso, il wendigo, si tratta di uno spirito in grado di possedere gli uomini, di solito i cacciatori, per tramutarli in cannibali. La maledizione può essere acquisita anche mangiando carne umana o da una maledizione sciamanica.

 

Film consigliati:

La notte dei morti viventi (George A. Romero 1968): come detto in precedenza, è il capostipite di un genere. Con questo film nasce il modo moderno di vedere lo zombi che tanto ha influenzato ogni tipo di media.

Il serpente e l'arcobaleno (Wes Craven 1988): questo film è ambientato ad Haiti durante la dittatura di François Duvalier, Papa Doc. Il film intreccia i fatti reali con la pratica del vudù in maniera magistrale e il risultato è un film accattivante sotto ogni punto di vista.

Benvenuti a Zombieland (Ruben Fleischer 2009): questa pellicola dissacrante tratta l'apocalisse zombi con toni irriverenti e la sinergia dei suoi personaggi è qualcosa di magnetico. Il rude texano Tallahassee (Woody Harrelson) si contrappone col suo stile avventato alla pedissequa obbedienza a delle regole scritte dal nerd Columbus (Jesse Eisenberg).

 


Hitori No Shita - The Outcast

 

Serie consigliate:

ZOMBIE LAND SAGA: i non morti tendono a risultare spaventosi, è vero, ma cosa succederebbe se uno strambo individuo raccattasse varie artiste della storia giapponese, da varie epoche, per creare un gruppo di idol? Ovviamente qualcosa di veramente assurdo!

Hitori No Shita - The Outcast: il protagonista della storia, una notte, s'imbatte in un gruppo di zombi mentre visitava la tomba del nonno. Si vedeva già spacciato quando un'enigmatica e apatica ragazza fa la sua comparsa facendo a pezzi i non morti. Questo incontro cambierà la sua vita per sempre.

JUNI TAISEN:ZODIAC WAR: ogni dodici anni si svolge un torneo tra i dodici più letali assassini della città, ognuno collegato a uno dei segni zodiacali cinesi. Uno di loro è in grado di trasformare le sue vittime in zombi, anche se lui li chiama "amici".

SCHOOL-LIVE!: per quel che riguarda questa serie vorrei evitare lo spoiler, vi dirò solo quello che un'amica disse a me: "Guardatelo e prima di giudicarlo aspettate che finisca il primo episodio". Io non me ne sono pentito (e li ho visti avidamente tutti).

 


Bananya

 

Articoli della serie Nightmare before Halloween:


Halloween
Vampiri
Dullahan
Yuki Onna
Succubi
Lupi mannari
Fate
Kitsune
Fantasmi
Tsukumogami
Diavoli

 


 SCHOOL-LIVE!

 

 

Anche per oggi abbiamo finito con la serie Nightmare before Halloween. Siete pronti per domani? La notte del 31 ottobre si avvicina e noi stiamo per concludere il nostro viaggio nella dimensione del terrore e delle leggende.

 


SCHOOL-LIVE!

 

Altre notizie importanti

0 Commenti
Puoi essere il primo a commentare!
Ordina per: