INTERVISTA: l'eredità del regista di Miss Kobayashi's Dragon Maid

Crunchyroll News parla col regista Tatsuya Ishihara.

 

Informazioni aggiuntive di Kyle Cardine

 

Il 7 luglio, la Kyoto Animation ha pubblicato il primo episodio di Miss Kobayashi’s Dragon Maid S, la seconda stagione del franchise Dragon Maid. Non è stato solo il ritorno di una serie amata dai fan, ma anche il ritorno dello studio adorato in tutto il mondo. Abbiamo scritto del cuore indomito della Kyoto Animation nella nostra intervista con il presidente dello studio, Hideaki Hatta, lo scorso anno. Ora possiamo ammirare quanto tale spirito sia stato instillato nella serie.

 

Per il ritorno sia della serie Miss Kobayashi’s Dragon Maid che dello studio, Crunchyroll ha parlato con Tatsuya Ishihara, il regista della seconda stagione di Dragon Maid e del suo difficile ruolo.

 

 

 

Il regista Ishihara

 

Tatsuya Ishihara ha fatto il regista nella Kyoto Animation per molto tempo e ha prodotto alcune tra le scene più comiche e tra le più toccanti, spesso nella stessa serie. "Ho esperienza con quei lavori che combinano aspetti comici e seri e mi piace questo tipo di lavori" ha detto Ishihara. "Li trovo piuttosto facili da realizzare" ha aggiunto. Può sembrare un'affermazione umile, ma deriva dall'immenso talento che ha nel trovare il toccante nel comico e viceversa, attitudine che si può riscontrare in tutta la sua opera.

 

Nel 2005, Ishitara ha fatto il suo debutto come regista per la Kyoto Animation con l'adattamento della visual novel Air. La sua filosofia lo porta a negoziare la sua interpretazione personale con le aspettative del pubblico e può essere vista nel corso di tutta la sua carriera, a partire da Air proseguendo per altri due adattamenti di visual novel, Kanon e il celebre Clannad. "Non sono un artista che cerca di esternare la propria personalità. Penso al pubblico e a quanto si aspetta. Il mio lavoro come regista è coniugare la mia interpretazione del lavoro con ciò che ci si aspetta da esso" ha scritto nel libro all'interno del box limitato di Love, Chunibyo & Other Delusions.

 

Comunque, il primo titolo diretto da lui che è giunto alle masse in occidente è senza ombra di dubbio The Melancholy of Haruhi Suzumiya, nel 2006. Una serie ricolma di una comicità incredibile, di intrighi sovrannaturali, drammi struggenti e adorabili momenti di vita quotidiana. Haruhi è pregno del gusto del regista. L'abilità di Ishitara di spaziare agilmente tra commedia e dramma lo pone all'apice dello stile anime che piaceva in occidente e che si gustava nel primo decennio del 2000, quando spopolavano i cosplayer di Haruhi e i flashmob di tipo “Hare Hare Yukai”.

 

Continua la sua direzione anche per la seconda stagione della serie, ma anche nelle leggendarie commedie Nichijou (2011), Love, Chunibyo & Other Delusions (2012) e il meraviglioso Sound! Euphonium. Tutte queste serie incarnano il talento di Ishitara nel bilanciare la comicità con il dramma, mediando sempre tra la sua espressione artistica e il dare al pubblico ciò che desidera, seppure in maniera diversa da come se lo aspettava. Tutto ciò ha condotto Ishitara verso Miss Kobayashi’s Dragon Maid S.

 

 

 

Ishihara e Miss Kobayashi’s Dragon Maid S

 

La relazione tra la Kyoto Animation e il manga Dragon Maid ha avuto origine davvero presto. Secondo il rappresentante editoriale della Futabasha con cui abbiamo parlato per scrivere questo articolo, la casa editrice è stata contattata dalla Kyoto Animation per produrre l'adattamento animato poco dopo l'uscita del primo numero del manga. Nel gennaio del 2017, lo studio ha pubblicato il primo episodio di Miss Kobayashi’s Dragon Maid, subito accolto calorosamente dai fan.

 

La vita che Tohru e Kobayashi  costruiscono assieme è densa di sentimento e risate, combinazione degli aspetti comici e tragici della convivenza tra umani e draghi. Malgrado gli esseri sovrannaturali che compongono metà del cast, la vera magia della serie si trova nel ritratto meticoloso e toccante della vita quotidiana, ambito in cui KyoAni  mostra particolare maestria. “Nell'anime, la familiarità con la vita quotidiana che Kanna dimostra è enfatizzata”, l'autore del manga Dragon Maid, Coolkyousinnjya, ha detto a Crunchyroll News. “C'erano molti dettagli e parecchie cose che mi hanno basito quando l'ho guardato”.

 

Un'illustrazione dell'autore di Miss Kobayashi's Dragon Maid, Coolkyousinnjya

 

Prima di parlare di come Ishitara sia stato coinvolto nella creazione di Dragon Maid, dobbiamo parlare di una triste realtà: lui non ha diretto la prima stagione dell'anime. Fu opera del defunto Yasuhiro Takemoto. Diresse alcuni dei più iconici titoli dello studio partendo dai primi due OVA di Nurse Witch Komugi (gli unici due prodotti dalla Kyoto Animation) nel 2002, e poi con Full Metal Panic? Fumoffu nel 2003 e il suo sequel Full Metal Panic! The Second Raid nel 2005. Ha poi diretto Lucky Star (2007), Hyouka (2012), Amagi Brilliant Park (2014) e, naturalmente, la prima stagione di Miss Kobayashi’s Dragon Maid. Durante tutto il suo lavoro non si può evitare di notare la sua adorazione per la cultura otaku.

 

"Cerco di mantenere lo stile che hanno la prima stagione di Miss Kobayashi’s Dragon Maid e il manga originale" ha detto Ishitara. "Subentro ora, dunque non voglio cambiare l'atmosfera".  Come può confermare ogni fan della serie, c'è riuscito. Dalla perfezione comica in stile "pesce fuor d'acqua" fino alle scene di lotta senza senso fino ai momenti struggenti di profonda empatia tra Kobayashi e i draghi, tutto quel che ha funzionato nella prima stagione lo ritroviamo anche qui.

 

"Penso che il mio ruolo consista nell'acquisire e trasmettere i "sentimenti" dello staff della precedente stagione mentre dirigo la seconda", ha detto Ishitara.

 

 

L'affinità di Yasuhiro Takemoto per un periodo specifico della cultura otaku trapela nella prima stagione della serie, specialmente con la protagonista Kobayashi e i personaggi Takiya e Fafnir. Questo aspetto della serie è riportato anche nella stagione diretta da Ishitara. “Ho pensato di poter parlare di argomenti otaku con Takiya e Kobayashi, ma le loro età sono diverse dalla mia al punto da non sapere se ne sarei in grado” ha detto Ishitara quando gli è stato chiesto con chi avrebbe voluto passare una notte a parlare. “È una cosa accaduta nella realtà ultimamente, ed è un cosa triste. Dunque penso sia Lucoa. È gentile e sembra che vorrebbbe ascoltarmi”.

 

La parte divertente del discorso è che la cultura otaku sta cambiando da quella cui lui era abituato. Questo è infatti rappresentato nel primo episodio di Dragon Maid S, quando Kobayashi dice che la parola moe non è più usata quanto prima, ma è stato comunque preservato lo spirito di quel periodo.

 

 

Ishihara e l'anima della Kyoto Animation

 

Immagino come scene simili affollino i pensieri dei fan, il pathos, l'amore, le risa, le lacrime. Tutto scritto nei volti dei personaggi nella maniera in cui pochi altri studi d'animazione riuscirebbero. Per citare la prima sigla di chiusura di Clannad, "tutto è felice e tutto è triste al contempo".

 

L'arte mostrata in Dragon Maid S è, naturalmente, palese a chiunque guardi la serie anche per pochi istanti. Cambia in maniera disinvolta da una raffinata interpretazione dei personaggi alla resa adorabile della vita normale  fino ad arrivare ai combattimenti sovrannaturali con alcune tra le migliori coreografie dell'anno. 

 

 

Come può un team bilanciare tali antipodi in una serie? “Persino nell'animazione” ha risposto Ishitara "Se l'ambientazione del lavoro è simile alla realtà, i movimenti dei personaggi avverranno in maniera realistica. Ma l'animazione è qualcosa di più libero e lo stile, i movimenti e gli scenari dei personaggi possono essere esagerati. Rispetto a ciò, Miss Kobayashi’s Dragon Maid è un fantasy ed è dunque facile adoperare tecniche d'animazione originali, esagerando i movimenti e le espressioni dei personaggi, tento di renderli persino più comici e di trasmettere le loro emozioni”. L'animazione è il media usato, non il cinema, e Ishitara e la sua squadra ne fanno pieno uso.

 

L'animazione, non conta quanto sia spettacolare, deve essere al servizio della storia per raggiungere qualcosa che va oltre il mero spettacolo. Lo staff di Miss Kobayashi’s Dragon Maid S capisce i personaggi e i loro sentimenti, cosa vivono, le loro storie e cosa interessa loro. Ishitara comprende che il potere delle storie può arrivare da due gruppi di persone apparentemente inconciliabili che si trovano a vivere insieme, instaurando un senso di famiglia.

 

 

“È normale essere diversi dagli altri, è importante accettarlo e comprendere la diversità altrui” ha detto Ishitara. Nell'era di internet, penso che dobbiamo capire che chi abbiamo intorno non è un'entità unica, ma si tratta di persone che pensano in modo diverso. Una delle frasi più belle di Fafnir dice ‘La logica del mondo (degli umani) non si fonde con la nostra (dei draghi) comprensione’ e Tohru gli risponde ‘ma non ti fa sentire a posto questo tipo di spasso?’.

 

Negli ultimi anni, progressivamente, ho avuto l'impressione di vivere in un mondo a pezzi; le persone sono divise dalla distanza, dall'ideologia e dalla malattia. Il clima sta cambiando. Le notizie relative a ciò si schiantano su di noi ogni giorno, con sempre notizie peggiori. Ma ho trovato rifugio nei lavori della Kyoto Animation, come molti altri. Nelle storie raccontate dallo studio, i fan possono scorgere la bellezza  che si trova nella vita reale, a prescindere da tutto il resto. Ogni tanto, nel bel mezzo di una realtà che sembra essere tetra e dura, bisogna ricordare che esiste l'amore  e il divertimento. Talvolta, tutto sta a entrare nello stato d'animo della storia di una donna e del drago che la ama.

 

Episode One Thank You Illustration from Tatsuya Ishihara

 

“So che molti di voi erano preoccupati, ma siamo stati in grado di pubblicare Miss Kobayashi’s Dragon Maid senza problemi” ha detto Ishihara. “spero di poter continuare a creare dei lavori appaganti, dunque per favore divertitevi”.

 


 

Cayla Coats è l'Editor-in-Chief di Crunchyroll News EN. Puoi trovarla su Twitter cercando @ceicocat.

 

Kyle Cardine è il Managing Editor di Crunchyroll. puoi trovarlo qui su Twitter.

Altre notizie importanti

1 commento
Ordina per:
Hime banner

Prova il Nuovo Crunchyroll Beta

Dai un'occhiata